Verticale Heritage J. de Telmont La Cantina Pinta

HERITAGE 1995

Heritage, Annata 1995

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Giallo oro intenso e lucente con rilessi ambrati. le bollicine sono abbastanza fini e numerose.

 

 

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Scaturiscono profumi speziati di cannella e curry seguiti da ruggine, iodio, note dolce di pasticceria, menta, timo, rosmarino, incenso, gambo di ciclamino spezzato (per l’acidità), caramella dura di lampone, ginger, sesso sfrenato, pan brioche, per terminare con l’acqua salata.

Al gusto è sapido e minerale, con buona struttura. Vino ben equilibrato con spalla acida che domina la massa alcoolica grazie anche alla mineralità e sapidità. Lunghissima è la sua persistenza romatica intensa con retrogusto di rosa canina e finalissimo di zabaione.

Il 1992 assomiglia al 1990 perché entrambi vanno molto sulla maturità, mentre il 1995 va molto sull’eleganza e sulla persistenza gustativa.

Il 1995 è ancora molto giovane e si deve esprimere in modo completo, ma già da adesso lo trovo sorprendentemente piacevole.

                                                                                                                                                  95/100

[/ihc-hide-content]

 

 

HERITAGE 1992

Heritage, Annata 1992

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Giallo ambrato con riflessi oro ramato.

Le bollicine sono finissime e numerose:

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Olfatto intrigante con profumi di origano, timo, elicriso, zabaione, giuggiola matura, caucciù, ginger, chinotto, intensi di rosmarino, iodio, cuoio fresco, acqua di rose, ruggine, erbe aromatiche, mela renetta cotta e caramella, fungo porcino secco, per terminare con piacevoli sentori di grafite.

Al gusto si gode una bollicina fine accompagnata a generosa sapidità e mineralità ed alla rosa canina.

Seguono sapori di elicriso (liquirizia) e fieno secco. Vino ben equilibrato con spalla acida.

Sapidità e mineralità che non fanno sentire, in modo assulto, la massa alcoolica.

Il corpo è medio e tende ad allentare la sua consistenza ma la sua persistenza aromatica intensa è lunghissima, con finalissimo di zabaione, preceduto dall’elicriso e dal fieno secco.

Bello champagne che ricorda il 1990.

                                                                                                                                                  93/100

[/ihc-hide-content]

HERITAGE 1990

Heritage, Annata 1990

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Color oro intenso, lucente, lievemente ramato.

Bollicine inizialmente quasi fini e abbastanza intense per poi diventare finissime.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Naso straripante, con emozioni olfattive che inizialmente sono compatte e pian piano emergono una a una: giuggiola matura, pietra focaia, liquirizia intensa, elicrisio intenso, (fiore con profumi di liquirizia), iodio, dattero secco, albicocca secca, finocchio selvatico, amido per stirare (appretto), confetto (bon bon del matrimonio in Italia), mela rossa succosa, cedro, miele, pasta di banana (cioccolatino banana Perugina), fico secco, pasta di mandorla, per terminare con soffi di ricciarello (pasticcino di Natale Toscano, con base di pasta di mandorla).

Al gusto si ha una piacevole carezza di bollicine delicate, accompagnate da un’importante carica di sapidità e mineralità, che si uniscono a sentori di ruggine, mela rossa succosa e cedro.

Al gusto ha una piacevole rotondità e copiosa freschezza, che unitamente alla sapidità e mineralità, danno un perfetto equilibrio gustativo. Lunghissima è la sua persistenza aromatica intensa con finale incredibile di zabaione. Champagne ancora molto giovane e lo si capisce dalla copiosa freschezza. Naso più evoluto del gusto, sarebbe stato preoccupante se fosse stato il contrario. Ho bevuto questo champagne anche accompagnandolo ai bomboloni alla crema, abbinamento eccezionale!

                                                                                                                                                  94/100

[/ihc-hide-content]

 

HERITAGE 1986

Heritage, Annata 1986

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Bellissimo giallo oro intenso, lucente.

Bollicine intense, quasi finissime.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Esame olfattivo intenso e vario con in risalto, da subito, il sale e lo iodio seguiti da note speziate di pepe bianco in particolare, mela renetta molto matura, erbacee lievi, burro di nocciolina, miele, ceretta da scarpe solida, ruggine, sapone di Marsiglia, radice di liquirizia, gambo di ciclamino pietra focaia, cedro, salvia, alloro, mela golden, per terminare con note di duro di menta( bastoncino di zucchero alla menta).

Al gusto le bollicine sono delicate, con una dosata dolcezza ed evidenziano una misurata sapidità e mineralità, accompagnate da note di cedro.

Bella spalla acida, che copre, senza problemi, la massa alcoolica, Abbastanza lunga è la sua persistenza aromatica intensa con finale di mela golden.

                                                                                                                                                  90/100

[/ihc-hide-content]

 

HERITAGE 1985

Heritage, Annata 1985

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Il colore è oro vivo, brillante e lucente.

Perlage finissimo e abbondante.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Olfatto ricco e vario, come un quadro ricco di colori dove i colori sono sostituiti dai profumi, con sentori di cuoio fresco, giuggiola matura, caucciù. confettura di arancia amara, liquirizia, pasticceria, formaggio sia burroso che stagionato, albicocca secca, miei e cedro.

Fanno da cornice sensazioni piacevoli di minerale, salsedine e iodio.

Gusto accattivante con ricca presenza di sapidità e mineralità, accompagnate da sapori di ruggine, giuggiola matura, limone, pasticceria e liquirizia. Vino equilibrato con spalla acida che domina la massa alcoolica. Corpo medio, piacevole morbidezza e lunga persistenza aromatica intensa con finale di giuggiola matura e di pasticceria.

Naso molto piacevole, ma non vario e abbondante come quello del 1990.

                                                                                                                                                  92/100

[/ihc-hide-content]

 

HERITAGE 1985 Rosè

Heritage, Annata 1985 Rosè

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Color rosso cerasuolo lucente con perlage fine ed intensissimo.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Profumo ricco e vario con note fruttate di ciliegia e lampone, seguite da note balsamiche di menta e resina di pino. Il percorso olfattivo prosegue con sentori di iodio, pietra focaia, cuoio, sapore di Marsiglia, mandorla, per terminare con carezze di miele.

Al gusto l’incontro è piacevole grazie a un perlage delicato e alla presenza di una misurata liquirizia.

Vino ben equilibrato con una ben dosata freschezza accompagnata dalla sapidità e dalla mineralità.

Lunga è la sua persistenza aromatica intensa con finale di ciliegia e lampone, seguite da un importante e usuale zabaione.

Per me è un rosè atipico per il suo equilibrio e la sua piacevolezza, dall’inizio alla fine della sua degustazione.

                                                                                                                                                  93/100

[/ihc-hide-content]

 

HERITAGE 1976

Heritage, Annata 1976

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Colore giallo oro lucente e intenso con riflessi aranciati.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Profumi di giuggiola matura, iodio, minerale, miele grafite, gambo di ciclamino, mandorla, dattero secco, radice di liquirizia per terminare con un travolgente e piacevole zabaione.

Al gusto ha una buona rotondità, ma non completa, con sapori di zabaione, limone e miele.

La sapidità e la mineralità sono una piacevole e importante componente gustativa.

La spalla acida è generosa e conduce il comando dell’equilibrio gustativo, senza la minima incertezza.

Lunga è la sua persistenza aromatica intensa con ricco finale di zabaione.

Questo 1976 ricorda al gusto il 1990, è superiore al 1985.

                                                                                                                                                  92/100

 [/ihc-hide-content]

 

 

HERITAGE 1975

Heritage, Annata 1975

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Color giallo oro lucente con riflessi color albicocca, ramato.

Bollicine fini e numerose.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

L’incontro olfattivo è di quelli che non si dimenticano, si rimane inebriati da un intenso profumo di acqua di rose, seguito dalla ruggine, radice di liquirizia, miele, lieve, sapone di Marsiglia, buccia di pecorino stagionato, confettura di arancia amara, iodio, resina di pino,

salsedine, fungo porcino secco, lieve, per terminare con piacevoli sentori di albicocca secca.

Al gusto è delicato e si godono sapori di giuggiola matura, miele, albicocca secca con dei sapori verdini e acqua di rosa.

Al gusto è ricco di sapidità e acidità, con una buona struttura, morbidezza e buona rotondità. Vino equilibrato con lunga persistenza aromatica intensa e finale di giuggiola matura, liquirizia ed elicrisio.

Ho assaggiato quattro bottiglie di 1975 e ho trovato quattro bottiglie diverse.

Questa che ho descritto è stata la migliore, come olfatto più aperto e ricco. Si. tratta di vini che fanno parlare di sè, vini ricchi di emozioni.

                                                                                                                                                93/100

[/ihc-hide-content]

  

HERITAGE 1969

Heritage, Annata 1969

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Note di degustazione:

Giallo oro intenso, stupendo, perfetto.

Perlage finissimo e abbondante.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Naso complesso e vario con sentori di iodio, pietra focaia, cuoio fresco (quello peloso), mela gialla matura, intensi, agrumi, guscio duro della mandorla intensi, per terminare con soffi di giuggiola matura.

Gusto intenso, ma delicato, con le bollicine fini e piacevoli, accompagnate da sensazioni di giuggiola matura e abbondanti dosi di sapidità e mineralità.

Vino ben equilibrato con ricca spalla acida che conduce magistralmente il comando sulla massa alcoolica, quest’ultima è presente, ma in modo innocuo.

Lunga è la sua persistenza aromatica intensa con finale di piacevole zabaione.

Bellissimo vino con acidità, mineralità e sapidità impressionanti, che fanno pensare, nonostante l’età, a un futuro ancora lungo. Questo 1969 non è al livello del 1990, ma gli si avvicina molto. E’ bene ricordare che questo vino ha 14 anni in più del 1990.

                                                                                                                                                 93/100

 [/ihc-hide-content]

 

HERITAGE 1964 Rosè

Heritage, Annata 1964

(Uvaggio: Pinot Meunier 100%)

Veste color rosso cerasuolo intenso, lucente con riflessi aranciati. Il perlage è abbondante e abbastanza fine all’inizio, per poi, lentamente, diventare finissimo.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

L’olfatto è come uno scrigno antico, rimasto chiuso per secoli, che, mano a mano, che si apre, incomincia a narrare la sua storia e, come questo vino con la sosta nel bicchiere, ci racconta i suoi profumi, la sua evoluzione olfattiva.

Emerge all’inizio l’erba medicinale secca e il cuoio fresco (quello peloso), seguiti da albicocca secca con riflessi verdi, rosa rossa, ciliegia candita, tabacco biondo della Virginia, terra bagnata, salsedine, iodio, prugna secca, radice di liquirizia, salsa di soia, lampone, per terminare con delle carezze di zabaione.

Al gusto dominano la sapidità e il lampone, seguiti dal minerale e dagli agrumi.

Sorprendere per il suo perfetti equilibrio e per la sua ben misurata freschezza che aiutata dalla sapidità e dalla mineralità non fa sentire minimante la massa alcoolica. Lunga è la sua persistenza aromatica intensa con piacevole finale di albicocca secca.

95/100

[/ihc-hide-content]
More from Paolo Baracchino

LE SFIDE “DIFFICILI” DEL PRESIDENTE

Qualche settimana fa Andrea Grignaffini, direttore della rivista Spirito di Vino, mi...
Leggi tutto