FATTORIA DI CINCIANO

La Fattoria di Cinciano si trova in località Cinciano (Poggibonsi) vicino a Barberino Val d’Elsa, è situata in collina e domina la Valle d’Elsa e della Pesa.

L’azienda è di proprietà della famiglia Garré dal 1983. Si tratta di un borgo con case completamente ristrutturate e dotate di ogni confort. La proprietà è composta da 40 ettari di olivi, 24 ettari di vigne. Le vigne sono da un minimo di 200 mt sul livello del mare fino a 350 mt s.l.m. Il borgo ha un ristorante “Osteria 1126” dove si gustano ottimi cibi.

A fianco della proprietà c’è anche un bellissimo campo da golf.

L’azienda produce oltre ai vini meglio precisati nelle mie seguenti note di degustazione anche un ottimo vin santo fatto con uve Trebbiano Toscano (50%) e Malvasia del Chianti (50%). Non poteva certo mancare la produzione dell’Olio Extra Vergine di Oliva, caratterizzato, di solito, da note fruttate ed erbacee.

Il direttore generale di tutta la struttura, di produzione vini ed oli, alberghiera e di ristorazione è il Dott. Stefano Porcinai.

Prima di passare alla degustazione dei vini devo precisare che per quanto riguarda la larghezza del tannino, è importante che faccia le precisazioni che seguono, affinchè possa essere compresa. Io sento il tannino del vino sulla gengiva superiore. La totale larghezza del tannino è 6/6, cioè tuta la larghezza della gengiva superiore. Ovviamente, se il tannino è meno largo, potrà essere per esempio 5/6 e così via. La larghezza del tannino è importante quando la qualità dello stesso è di buono o alto livello. Più il tannino è largo, più il vino è degno d’attenzione, ma il tannino, come ho precisato, dev’essere, in ogni caso, di buona qualità.

Passiamo adesso a descrivere i vini degustati.

 

FATTORIA DI CINCIANO

CINCIANO BIANCO IGP TOSCANA 2017

(Uvaggio: 70% Viogner, 20% Sauvignon Blanc e 10% Grechetto)

Veste giallo paglierino con riflessi verdi e grigi.

Naso fatto di profumi di biancospino, foglia di pesco, colla coccoina (latte di cocco e mandorla), sapone di Marsiglia, foglia di ruta, menta, lieve di lievito di birra, agrumi, per terminare con soffi di pepe bianco.

Il palato accoglie un sapore intenso di limone accompagnato al pompelmo giallo ed alla sapidità e mineralità.

Il corpo è medio e l’equilibrio è un po’ altalenante con la massa alcoolica che si alterna alla freschezza. Salivazione di lingua e bruciore della parte centrale della lingua si alternano.

Vino giovane che sicuramente necessita di un po’ di sosta in bottiglia, affinchè l’effetto altalenante si attenui o meglio scompaia.

Lunga è la sua persistenza gustativa.

86/100

FATTORIA DI CINCIANO

GOTIFREDO ROSATO 2017

IGP TOSCANA

(Uvaggio: 100% Sangiovese)

Colore rosa antico chiaro.

Olfatto fatto di profumi di lampone, ciliegia griottina (bianca e rossa a chiazze), menta con lievi toni finali di pepe nero.

Al palato ha una buona struttura, è dolcino, sapido, con lievi sapori di pepe nero.

Il corpo è vicino alla sufficienza. Equilibrio un pochino altalenante tra alcool e freschezza. I tannini sono dolci, fini e centrali (4/6 +). Abbastanza lunga è la sua persistenza gustativa, perde in verticale ma è largo in bocca.

Nel finale si sente bruciare un po’ la gola.

E’ meno altalenante del vino bianco.

85/100

 

FATTORIA DI CINCIANO

CHIANTI CLASSICO DOCG 2016

(Uvaggio: 100% Sangiovese)

Rosso rubino con trame porpora.

Mix olfattivo fatto di profumi di pelle di conceria in fine lavorazione, pepe nero, intensi di noce moscata e prugna succosa. Seguono note di chiodi di garofano, menta, alloro, salvia, ciliegia, boisè vecchio, eucalipto, rosmarino, bacca di ginepro, per terminare con piacevoli rimandi di ruggine.

Al palato è molto aspro, si sentono intensi ricordi di ciliegia e prugne acerbe.

L’equilibrio gustativo, in questo momento è un po’ confuso perchè si sentono contemporaneamente una forte salivazione della lingua (freschezza) e bruciore della parte centrale della lingua. I tannini sono dolci, spessi, abbastanza larghi (5/6- -) e vellutati. Il corpo è medio e lunga è la sua persistenza gustativa.

85/100

FATTORIA DI CINCIANO

CHIANTI CLASSICO RISERCA DOCG 2015

(Uvaggio: 100% Sangiovese)

Bel rosso rubino intenso.

All’esame olfattivo rivela profumi intensi di mobile di sagrestia ed incenso, seguiti da pepe nero, noce moscata, prugna, menta, alloro, salvia, chiodi di garofano, cioccolata, per terminare con sussurri di bacca di ginepro.

Al gusto è un po’ asprino e lievemente amaro. Sapori di ciliegia, prugna e boisé. Il corpo è medio ed i tannini sono abbastanza larghi (5/6 –) dolci, spessi, un po’ allappanti e nel finale si asciugano un po’. Freschezza ed alcool sono in equilibrio tra loro. Questo vino ha necessità di sostare ancora in bottiglia almeno due anni prima di incominciare a dare il meglio di se stesso.

86/100

 

FATTORIA DI CINCIANO

CHIANTI CLASSICO GRAN SELEZIONE 2014

(Uvaggio: 100% Sangiovese)

Colore rosso rubino.

Spande profumi di menta, eucalipto, intensi di grafite, ciliegia, succo di prugna, dolci boisé, pepe nero, (trielina?) per terminare con carezze di prugna secca.

Al palato ha corpo medio ed è sapido.

L’equilibrio è un po’ altalenante tra alcool e freschezza. I tannini sono un po’ grezzi, spessi, inizialmente vellutati per poi asciugare un po’ la gengiva superiore.

85/100

 

FATTORIA DI CINCIANO

PIETRA FORTE IGT TOSCANA 2012

(Uvaggio: 80% Sangiovese, 15% Merlot e 5% Cabernet Sauvignon)

Rosso rubino intenso.

Olfatto caratteirzzato dai profumi di ciliegia marasca matura, ribes nero, mobile di sagrestia ed incenso, pepe nero, noce moscata, alloro, salvia, rosmarino, bacca di ginepro, prugna secca, intensi di amido di riso bollito, per terminare con ricordi di pelle di conceria in fine lavorazione.

Al palato rivela un corpo medio ed un lievissimo effetto altalenante tra alcool e freschezza ed ha un sapore un pochino aspro.

I tannini sono larghi (6/6 – -), dolci, spessi, un po’ ruvidi ed un pochino brucianti sulla gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza con finale di prugna secca.

89/100

 

More from Paolo Baracchino

LA “BELLE EPOQUE” ALL’ENOTECA PINCHIORRI DI FIRENZE

Les Enfats de Champagne hanno colpito ancora. Si tratta di sette italiani,...
Leggi tutto