“LA STORICA AZIENDA CASTELLO DI BOLGHERI”

Le origini del Castello di Bolgheri risalgono al 1500. La proprietà in origine era di proprietà dei Conti della Gherardesca e passa per successione ereditaria alla famiglia dei Conti Zileri Del Verme nel 1700. In tale epoca furono effettuati i restauri e furono costruite le cantine.

Nel 1895 viene modificata la facciata del Castello e viene realizzata la torre con i merli senza ulteriori modifiche. Al’interno dell’Azienda ci sono tre poderi: San Sebastiano, Ippocastano e Stalletta a Bolgheri che vengono concessi in locazione per periodi brevi. La famiglia Zileri è imparentata sia con la famiglia Incisa della Rocchetta che con la famiglia Antinori.

L’attuale proprietà e direzione dell’azienda è di Federico Zileri il quale l’ha portata ad essere un’azienda di riferimento del Bolgherese.

L’azienda, la cui cantina è all’interno del paese di Bolgheri, conta 130 ettari di cui 60 vitati e di cui solo 25 sono utilizzati per l’imbottigliamento, mentre i rimanenti vengono venduti sfusi. 25 ettari sono appena  fuori dal paese ed il resto si trova alle Sondraie e cioè, in linea d’aria a circa 1,5 km dal paese. Il vitigno più importante, coltivato, è il Cabernet Sauvignon, seguono il Merlot, il Cabernet Franc. Il Petit Verdot negli anni è stato quasi tutto reinnestato a Cabernet Sauvignon e Merlot. Il Syrah è circa un ettaro. Mano a mano il Merlot, a causa delle avverse condizioni climatiche, viene sostituito con il Cabernet Franc, vitigno sicuramente top a Bolgheri. I terreni sono più sassosi nei vigneti presso Bolgheri mentre quelli alle Sondraie contengono un 30% di argilla. I filari sono in direzione mare per sfruttare al meglio la ventilazione e quindi ridurre l’accumulo termico.

La forma di allevamento è quasi tutta a cordone speronato che secondo la filosofia aziendale porta a fare vini più complessi rispetto al guyot. L’agronomo aziendale è Alessandro Dondi, bravo e super scrupoloso nello svolgere il proprio lavoro. I vini prodotti sono il Castello di Bolgheri con 30.000, bottiglie annue ed il Varvara, il secondo vino, con 70.000 bottiglie.

L’azienda lentamente ha capito che il legno va ben dosato e nel corso degli anni si è sentito, per fortuna, sempre meno ed  i vini sono notevolmente migliorati. Si è arrivati, con l’annata 2016, da me apprezzata molto prima che uscisse in commercio, a fare il miglior Castello di Bolgheri mai fatto fino a quel momento per poi fare il 2018 con una marcia superiore. Il cammino non è stato facile ma si è arrivati a fare dei vini di alto livello.

Prima di passare all’analisi dei vini degustati è opportuno fare le mie seguenti precisazioni sui tannini.

Per quanto riguarda la larghezza del tannino, è importante che faccia le precisazioni che seguono, affinché possa essere compresa. Io sento il tannino del vino sulla gengiva superiore. La totale larghezza del tannino è 6/6, cioè tutta la larghezza della gengiva superiore. Ovviamente, se il tannino è meno largo, potrà essere per esempio 5/6 e così via. La larghezza del tannino è importante quando la qualità dello stesso è di buono o alto livello. Più il tannino è largo, più il vino è degno d’attenzione, ma il tannino, come ho precisato, dev’essere, in ogni caso, di buona qualità.

Passiamo adesso a descrivere i vini degustati.

Seguono le mie note di degustazione.

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2005

(uvaggio : Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot)

Veste rosso granato.

Dal bicchiere si diffondono profumi di boisè, menta, eucalipto, cioccolata (mi ricorda il cioccolatino After Eight), abbastanza intensi di gibier, (cesto di selvaggina) ragout di carne, fungo porcino secco, prugna e mirtillo.

Al palato si godono sapori fruttati di prugna e mirtillo seguiti da una nota boisé già sentita dall’olfatto.                                           (87/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2006

(uvaggio : Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot)

Robe rosso granato

Si innalzano dal bicchiere profumi di peperone verde, prugna, mirtillo, appretto (amido per stirare) dolce dell’esterno del confetto, sella di cuoio, ragout di carne, gibier (cesto della selvaggina), menta, eucalipto, alloro, salvia, caffè freddo e liquirizia.

Il corpo è medio e si sente il sapore della prugna. Vino equilibrato per alcool e freschezza mente i tannini sono abbastanza larghi (5/6-), inizialmente vellutati per poi nel finale asciugare un pò la gengiva superiore. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale lievemente amaro.

Naso un pò evoluto e tannino un pò aggressivo.                            (88/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2007

(uvaggio : 60 % Cabernet Sauvignon, 20%Cabernet Franc e 20% Merlot)

Veste rosso granato intenso

Profumo dolce che ricorda la parte esterna del confetto, smalto di  vernice, pepe nero, noce moscata, menta, alloro, salvia, boisé, prugna secca, mora, gambo di ciclamino spezzato e buccia di piselli verde.

Assaggio piacevole con sapori di prugna e mirtillo.

Il corpo è medio e la freschezza riesce a mettere a tacere la massa alcoolica.

I tannini non sono molto larghi (4/6++), ma sono vellutati.

Lunga è la sua persistenza gustativa con un finale lievemente amaro.

(89/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2008

(uvaggio : 70% Cabernet Sauvignon, 15% Cabernet Franc  e 15% Merlot)

Colore rosso granato.

Mix olfattivo fatto di profumi iniziali abbastanza intensi di ragout di carne seguiti da menta, eucalipto, dolci del confetto, liquirizia in chicchi piccoli, melone bianco, prugna, pelle lavorata, lievi di smalto di vernice, canfora, per terminare con soffi boisé.

Piacevolezza al palato per la presenza del sapore intenso di prugna semi secca. Il corpo è medio ed il vino ha un buon equilibrio tra alcool e freschezza. I tannini sono dolci, abbastanza larghi (5/6–), inizialmente vellutati per poi nel finale asciugare e far bruciare un pochino la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza con finale di prugna secca.       (90–/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2009

(uvaggio : 60% Cabernet Sauvignon, 20% Merlot, 16% Cabernet Franc  e 4% Petit Verdot)

Manto rosso granato.

Sensazioni olfattive intense di grafite seguite da accenni di nocciolina tostata, inchiostro, pelle di conceria in fine lavorazione, amido del riso bollito, menta, eucalipto, pepe nero, noce moscata, lievi di canfora, e di goudron, per terminare con ricordi di liquirizia.

All’esame gustativo il vino ha un corpo medio sufficiente ed ha un buon equilibrio tra alcool e freschezza. I tannini sono dolci, non larghi (4/6+) e vellutati.

Lunga è la sua persistenza gustativa con un finale di prugna secca.                       (90-/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2010

(uvaggio : 55% Cabernet Sauvignon, 25% Merlot,  14% Cabernet Franc e 6% Petit Verdot)

Rosso rubino-granato intenso

L’approccio olfattivo mette in evidenza profumi di peperone verde, alloro, salvia, dolci del boisè, prugna secca, guscio duro della mandorla, per terminare con una esplosione di piacevole acqua di mare pulita ( ricorda il melone bianco e la parte interna bianca della buccia di cocomero).

Al gusto è fine ed elegante con corpo medio che tende un pò ad assottigliarsi e sapore di prugna e guscio duro di mandorla. Il vino è ben equilibrato, tanto è vero che la freschezza domina la massa alcoolica, mentre i tannini sono dolci, abbastanza larghi (5/6–), spessi e vellutati. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di prugna secca.

            (92/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2011

(uvaggio : Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot)

Colore rosso rubino abbastanza intenso.

Piacevoli sensazioni olfattive con profumi di grafite, prugna, mora, cassis, lavanda, pepe nero, noce moscata, appretto (amido per stirare) dolci boisé, menta ed eucalipto.

All’assaggio si sente un corpo medio rinforzato e sapore di prugna strizzata.

Asse alcool-freschezza in perfetta armonia.

I tannini sono dolci, abbastanza larghi (5/6), inizialmente vellutati per poi asciugare, lievemente, la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza gustativa.      (94/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2012

(uvaggio : 85% Cabernet Sauvignon, 10% Cabernet Franc e 5% Merlot)

Rubino molto intenso.

Naso intrigante e vario fatto di profumi di prugna, mora e cassis, zucchero caramellato, pelle in fine lavorazione di conceria amido del riso bollito, acqua di mare pulita (melone bianco e parte bianca interna della buccia di cocomero), pelle lavorata, canfora, naftalina, per terminare con carezze di lavanda.

Il corpo è medio plus, anche se lievemente inferiore al 2011. Sapore di prugna fresca.

Vino dotato di generosa freschezza che domina la massa alcoolica. I tannini sono dolci, abbastanza larghi, inizialmente vellutati per poi nel finale asciugare e far bruciare, lievemente, la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di prugna e canfora.

(93/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2013

(uvaggio : 55% Cabernet Sauvignon, 20% Merlot, 18% Cabernet Franc e 7% Petit Verdot)

Manto rosso rubino abbastanza intenso.

Profumi di legno, smalto di vernice, vernice ad olio, foglia di pomodoro, menta, eucalipto, lievi di pepe nero, gas gpl, rosmarino, per terminare con lievi soffi di fragolina di bosco.

Il corpo è medio (ma meno di quello del 2011 e 2012).

Il vino si spande nella cavità orale ed è più largo che profondo. Generosa freschezza che con l’aiuto del tannino mette completamente a tacere la massa alcoolica. I tannini sono dolci, spessi, abbastanza larghi (5/6–), inizialmente vellutati per poi asciugare, lievemente, la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza gustativa con sapore iniziale e finale di prugna fresca.

          (92/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2015

(uvaggio : 70%Cabernet Sauvignon, 15% Cabernet Franc e 15% Merlot)

Colore rosso rubino con trame porpora.

Dal bicchiere si innalzano profumi di prugna, menta, eucalipto, ciliegia marasca nera, mora, saponetta alla lavanda, appretto (amido spray per stirare) per terminare con ricordi di pomodori pelati.

Vino con corpo medio che tende un pò a diluirsi. Sapore di prugna e mirtillo.

La piacevole freschezza unitamente al tannino non fanno sentire, neppure minimamente, la massa alcoolica. I tannini sono dolci, setosi ed abbastanza larghi (5/6+).

Lunga ma non lunghissima è la sua persistenza con finale di prugna.                      (92/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2016

(uvaggio : 60%Cabernet Sauvignon, 20% Cabernet Franc e 20% Merlot)

Rosso porpora e rubino intensi.

Al naso emergono profumi di chinotto, menta, eucalipto, alloro, salvia, pelle lavorata, prugna, grafite, lievi bosié, saponetta di lavanda, lievi di acqua di mare (melone bianco e parte interna bianca della buccia di cocomero), stoppa intrisa di vino, per terminare con reminescenze di mora.

Il corpo è superiore alla media ed è perfettamente equilibrato grazie alla struttura, ai tannini ed alla freschezza che dominano perfettamente la massa alcoolica.

Piacevoli sapori di prugna e mirtillo succosi. I tannini sono dolci, setosi ed abbastanza larghi (5/6++).

Lunga è la sua persistenza aromatica intensa con finale di prugna.                          (96/100)

Quando degustai la prima volta questo 2016 ne rimasi colpito per la sua piacevolezza, sottolineando che la 2016 era, per me, la migliore annata mai fatta fino a quel momento.

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2017

(uvaggio : 85 %Cabernet Sauvignon, 10% Cabernet Franc e 5% Merlot)

Manto rosso rubino e porpora.

Olfatto con profumi di pepe nero, noce moscata, origano, lievi boisé, guscio duro di mandorla, prugna e ciliegia.

Al palato il corpo è medio sufficiente. Sapore di prugna e di intenso pepe nero. Vino ben equilibrato tra alcool e freschezza.

I tannini sono dolci, setosi ed abbastanza larghi (5/6).

Lunga è la sua persistenza gustativa anche se il corpo tende un pò a dileguarsi, con finale di prugna e pepe nero.

        (92/100)

CASTELLO DI BOLGHERI, annata 2018

(uvaggio : 60%Cabernet Sauvignon, 20% Merlot, 15% Cabernet Franc e 5% Petit Verdot)

Veste rosso rubino con riflessi porpora

Al naso è un’esplosione di profumi di pepe nero, noce moscata, acqua di mare pulita (melone bianco e parte interna bianca della buccia di anguria), guscio duro di mandorla, pomodoro, peperone verde, grafite ed appretto (amido spray per stirare).

Al palato è di grande piacevolezza con sapori di prugna e noce moscata. Il corpo è medio rinforzato ed il vino è ben equilibrato. La massa alcoolica è dominata dalla freschezza e dai tannini. Questi ultimi sono dolci, riccamente setosi ed abbastanza larghi (5/6++). Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di prugna e di lieve boisé (boisé che si perderà con la sosta del vino in bottiglia).

Bel vino superiore al fantastico 2016.                           (97/100)

VARVARA 2014

(uvaggio : 50% Cabernet Sauvignon, 20% Merlot, 10% Syrah, 10% Cabernet Franc e 10% Petit Verdot)

Colore rosso rubino abbastanza intenso.

Profumi di cassetta di medicine, rosmarino, alloro, salvia, pepe nero, noce moscata, guscio duro di mandorla, ciliegia, prugna, ambra e peperone verde.

Il corpo è medio appena sufficiente. Vino ben equilibrato tra alcool e piacevole freschezza.

I tannini sono dolci, setosi ed abbastanza larghi (5/6). Abbastanza lunga è la sua persistenza gustativa.  Vino piacevole ma risente dell’annata molto difficile.

In questa annata non è stato prodotto il Castello di Bolgheri e pertanto le uve di quest’ultimo sono state utilizzate per fare il Varvara.                                                 (89/100)

Niente dovrei scrivere sul Castello di Bolgheri annata 2019 perchè non ancora uscito in commercio ed anche perchè quello sentito da me non era stato ancora imbottigliato. Posso solo evidenziare una piacevolissima violetta al naso, un corpo medio plus come il 2018, i tannini un pò larghi (6/6-) ed un finale gustativo di violetta e lavanda.

Sarà importante per me degustarlo quando si sarà completato il suo affinamento in bottiglia perchè penso che possa essere qualitativamente superiore al fantastico 2018.

More from Paolo Baracchino

“LE MORTELLE” L’Azienda Le Mortelle della Marchesi Antinori S.p.A.

La Marchesi Antinori non sbaglia mai. Le sue aziende sono sempre, per...
Leggi tutto