VERTICALE DI POGGIO ALLE MURA

BRUNELLO DI MONTALCINO

VERTICALE DI “POGGIO ALLE MURA”

 Qualche tempo fa sono stato inviato al Castello di Banfi da Enrico Viglierchio, direttore generale dell’azienda, tramite gli amici Giorgio Brogi e Chicca Manca che curano le pubbliche relazioni dell’azienda.

Mi reco in azienda a Montalcino, con l’amico Sergio Antonini, visitiamo la cantina e vediamo qualche vigneto per poi andare in una sala degustazione per fare una verticale, cioè degustare più annate del Brunello di Montalcino “Poggio alle Mura”.

L’azienda che è la più grande a Montalcino è di proprietà della famiglia italo americana Mariani. Forse non sapevate che l’azienda è la più grande produttrice italiana di prugne secche.

Le note di degustazione integrali possono essere consultate previa registrazione e successivo abbonamento

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”1″ ihc_mb_template=”1″ ]

Gli ettari vitati intorno al Castello Poggio alle Mura, che rientrano quindi nei vini Poggio alle Mura, sono circa 50 dai quali vengono fatti il Brunello (la prima annata è stata la 1997) il Rosso di Montalcino (dal 2010) ed il Brunello Riserva (dal 2007).

I vini prodotti dall’azienda con denominazione Castello di Banfi sono:

Rosso di Montalcino Castello di Banfi, Brunello di Montalcino Castello di Banfi, Brunello di Montalcino Poggio all’Oro, Rosso di Montalcino Poggio alle Mura, Brunello di Montalcino Poggio alle Mura, Brunello di Montalcino Riserva Poggio alle Mura. Altri vini sono il Cum Laude (IGT Uvaggio: Cabernet Sauvignon, Merlot, Sangiovese e Syrah), Summus (IGT Uvaggio: Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Syrah), Excelus (IGT Uvaggio: Merlot e Cabernet Sauvignon), Belnero (IGT Uvaggio: prevalenza Sangiovese ed altri vitigni), vini bianchi Fontanelle (IGT Chardonnay), San Angelo (IGT Pinot Grigio) e Florus (Moscadello di Montalcino DOC vendemmia tardiva 100% Moscadello)

Ci sono poi tanti altri vini prodotti da Banfi in Toscana ed in Piemonte.

Si è trattato di fare questa verticale del Brunello di Montalcino “Poggio alle Mura” dall’annata 1997 alla 2010 e per me le migliori annate degustate sono state la 1997 e la 2010. Successivamente a questa piacevole degustazione effettuata insieme all’organizzatore Enrico Viglierchio ed a Yoshiaki Miyajima, direttore commerciale, chiamato più semplicemente Yoshi, a Giorgio Brogi, Chicca Manca ed a Sergio Antonini, Enrico ci ha accompagnati a pranzo al loro ristorante presso il Castello dove abbiamo gustato un piacevole pranzo, tipicamente toscano, prima ripulendoci la bocca dai tannini con un piacevole champagne Joseph Perrier e poi bevendo ognuno i vini che gli erano piaciuti di più durante la degustazione. Io mi sono diretto alle annate 1997 e 2010 che finalmente ho bevuto. Durante le degustazioni io non bevo i vini ma li espello. E’ stata una piacevole giornata e la verticale mi ha permesso di sentire un vino ricco di profumi ed in particolare dall’annata 2005, compresa di un profumo a me caro e tipico del bel sangiovese: la nocciolina tostata. (Forse mi sbaglio perchè questo profumo glielo da il legno?).

Per quanto riguarda la larghezza del tannino è importante che faccia le precisazioni che seguono affinché possa essere compresa. Io sento il tannino del vino sulla gengiva superiore.

La totale larghezza del tannino è 6/6, cioè tutta la larghezza della gengiva superiore. Ovviamente se il tannino è meno largo potrà essere per esempio 5/6 e così via. La larghezza del tannino è importante quando la qualità dello stesso è di buono o alto livello. Più il tannino è largo più il vino è degno di attenzione, ma il tannino come ho precisato deve essere in ogni caso di buona qualità.

Passiamo alla verticale.

CASTELLO DÌ BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 1997

Abito rosso granato intenso.

Mix olfattivo vario ed intrigante con profumi di prugna secca, intensi di fieno, clorofilla, menta, eucalipto, tabacco biondo della Virginia, alloro, salvia, gibier (cesto della selvaggina), terra bagnata, tartufo nero, rosmarino, canfora, dado del brodo vegetale per terminare con carezze di fico bianco secco.

Assaggio dolce della prugna secca, sapido e minerale.

Il corpo è medio ed il vino è equilibrato con massa alcoolica dominata dalla freschezza e dal tannino. Quest’ultimo è dolce, non tanto largo (4/6+) inizialmente setoso per poi nel finale fare sentire, un po’, bruciare la gengiva superiore. Lunga è la sua persistenza aromatica intensa con finale dolce che ricorda la prugna secca ben essiccata.

Naso interessante, tannino un po’ stretto ma nell’insieme è un vino piacevole.

93/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 1998

Abito rosso granato intenso con finissimo bordo granato.

Naso con intensi profumi di pomodoro secco e fieno secco seguiti dal tabacco biondo della Virginia, lievi di clorofilla, iuta, terra bagnata, alloro, salvia, menta, eucalipto, vernice ad olio, gibier, per terminare con una nota floreale di tarassaco (detto piscialetto) e con il gambo di ciclamino spezzato (per l’acidità).

In bocca il corpo è medio e l’equilibrio è un po’ altalenante cioè talvolta prevale la freschezza sull’alcool e viceversa. I tannini sono dolci, poco larghi (4/6 +) inizialmente setosi e poi si aciuga un po’ la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di prugna secca.

Il tannino mi è sembrato un pochino verde.

89/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2001

Color rosso granato con fine bordo aranciato.

Regala profumi di fico secco, anice stellato, lievi di cassetta di medicine, menta, eucalipto, fieno, iuta, erbe medicinali, cuoio biondo ed anticato, acciuga, prugna secca e lievi di fungo porcino secco, prugna secca e clorofilla. Seguono note di pepe nero, noce moscata, per terminare con sospiri di fieno secco ed alloro.

In bocca fa sentire una spiccata acidità, sapidità e mineralità. Il corpo è medio ma tende un po’ ad assottigliarsi. Vino abbastanza equilibrato con alcool tranquillo ed acidità un po’ spiccata. Il tannino è dolce, abbastanza largo (5/6), inizialmente vellutato per poi far asciugare un po’ la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza gustativa con finale lievemente amaro e prugna secca con spiccata acidità.

89/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2004

Vestito rosso granato intenso con finissimo bordo aranciato.

Olfatto molto balsamico con profumi di menta, eucalipto, alloro, salvia, rosmarino, pepe nero, noce moscata, origano, fieno, iuta, per terminare con soffi di prugna secca.

Palato saporito di prugna secca e menta.

Il corpo è medio ed il vino, per l’alcool, è equilibrato. Il tannino è dolce, abbastanza largo (5/6) inizialmente vellutato per poi nel finale far asciugare e bruciare un po’ la gengiva superiore. Lunga è la sua persistenza con finale di origano.

Il legno ha marcato un po’ il vino sia la naso che al gusto.

88/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2005

Colore rosso granato abbastanza intenso con largo bordo aranciato.

Scrigno olfattivo con profumi di inchiostro di china, intensi di nocciolina tostata, fieno, iuta, menta, eucalipto, grafite, stoppa intrisa di vino, lievi di appretto (amido spray per stirare), anice stellato per finire con pizzicotti di cioccolato.

All’assaggio spicca l’acidità ed ha buona sapidità e mineralità. Il corpo è medio ed il vino ha un buon equilibrio con spalla acida e tannino che dominano l’alcool.

Il tannino è dolce, abbastanza largo (5/6 –), inizialmente setoso per poi nel finale asciugare un po’ la gengiva superiore. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale lievemente amaro.

89/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2006

Rosso granato abbastanza chiaro con bordo aranciato.

Mix olfattivo inizialmente pigro e poi fatto di intensa e piacevole nocciolina tostata, seguita da profumi di menta, eucalipto, lievi di pepe nero, pomodoro semi secco, cuoio, acciuga, lievi di episperma (dolce della seconda pelle del marrone bollito), lievi vegetali, appretto (amido spray per stirare), prugna secca, fieno e clorofilla (talvolta viene utilizzata per dare il colore verde all’olio).

Gusto piacevole di nocciolina tostata. Vino sapido e minerale. Il corpo è medio e l’acidità è spiccata (mi ricorda il gambo di ciclamino spezzato). Vino quasi completamente equilibrato, nonostante la spiccata acidità c’è un lievissimo effetto altalenante tra acidità e alcool.

Il tannino è dolce, largo (6/6 – -) inizialmente setoso per poi nel finale, asciugare un pochino la gengiva superiore. Lunga persistenza gustativa.

91/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2007

Rosso granato con bordo aranciato.

Dal bicchiere emergono profumi di nocciolina tostata, menta, eucalipto, lievi di pepe nero, noce moscata, prugna secca, lievi boisé di episperma (dolce della seconda pelle del marrone bollito) e di sapone di Marsiglia. L’esame olfattivo termina con rimandi intensi di fieno, iuta e clorofilla.

Assaggio che rivela una buona dolcezza, sapidità e mineralità.

Vino con corpo medio ed un buon equilibrio gustativo dove la massa alcoolica è resa inoffensiva dalla spalla acida e dal tannino. Quest’ultimo è dolce, largo (6/6 -) spesso inizialmente spesso per poi nel finale asciugare lievemente la gengiva superiore.

Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di nocciolina tostata e prugna secca.

91/100

CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2008

Rosso granato abbastanza intenso con largo bordo aranciato.

All’olfatto ha sentori dolci del confetto, conserva di pomodoro, origano, appretto (amido spray per stirare), menta, eucalipto, pepe nero, noce moscata, grafite, fieno, iuta, lievi di lavanda, duro di menta (bastoncino duro di zucchero intriso di menta), per terminare con soffi di nocciolina tostata.

Sorso che rivela una buona dolcezza, un corpo medio (meno del 2007) ed un buon equilibrio tra alcool ed acidità. Il tannino è dolce, largo (6/6 – -) inizialmente vellutato per poi nel finale far asciugare e bruciare un po’ la gengiva superiore. Lunga è la sua persistenza con lieve finale di duro di menta ed iuta.

89/100

 CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2009

Colore rosso granato con finissimo bordo aranciato.

Mix olfattivo con in preminenza una piacevolissima ed intensa nocciolina tostata seguita dal sapone di Marsiglia, grafite, terra, pepe nero, noce moscata, conserva di pomodoro, dolci del confetto, per terminare con lievi note vegetali di geranio.

Al gusto risalta una piacevole nocciolina tostata. Il corpo è medio ed il vino è equilibrato con massa alcoolica impercettibile rispetto alla freschezza ed al tannino.

Quest’ultimo è dolce, abbastanza largo (5/6), inizialmente vellutato per poi far sentire sulla gengiva superiore la nota verde del geranio e farla bruciare lievemente.

La nota verde si sente sia al naso che in particolare al gusto ed è, per me, sinonimo di minor maturazione delle uve.

Lunga è la sua persistenza gustativa.

87/100

 CASTELLO DI BANFI

POGGIO ALLE MURA, annata 2010

Robe rosso granato uniforme.

Olfatto accattivante con profumi balsamici di menta ed eucalipto seguiti da appretto (amido spray per stirare), intensi di sapone di Marsiglia, pepe nero, noce moscata, mobile di sagrestia, incenso, lavanda, alloro, tartufo nero, lievi di vernice ad olio, dolci del confetto, per terminare con carezze di pino silvestre.

Al gusto ha una bella e piacevole beva con sapori dolci del confetto e di prugna.

Il corpo è medio con piacevoli sapidità e mineralità. Vino ben equilibrato, l’asse acido – alcool – tannino è in perfetta sintonia. Il tannino è dolce, largo (6/6 -) e setoso. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di prugna.

Dopo tre anni quali la 2007, la 2008 e la 2009, in generale, a Montalcino, che hanno dato vini con tannini un po’ asciutti nel finale, con il 2010 scompare questo difettuccio.

93/100

Ho degustato questo vino, successivamente a questa verticale, poco prima di Benvenuto Brunello edizione 2016, al quale, in tale occasione, ho dato una valutazione più bassa non trovandolo a questo livello, evidentemente mi era capitata una bottiglia meno fortunata.

[/ihc-hide-content]

Passiamo alla verticale.

CASTELLO DÌ BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 1997 93/100 
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 1998 89/100
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2001 89/100
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2004 88/100
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2005 89/100
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2006 91/100
 
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2007 91/100
 
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2008 89/100
 
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2009 87/100
 
 
CASTELLO DI BANFI
POGGIO ALLE MURA annata 2010 93/100

 

More from Paolo Baracchino

SUMMA 2016

Di ritorno da Bordeaux per le degustazioni dell’En Primeur annata 2015 sono...
Leggi tutto