MAISON BOULARD – BAUQUAIRE LA CUVÈE MÈLANIE


Questa cuvée viene prodotta dalla Maison Boulard Bauquaire (Recoltant Manipulant).

La cuvée Mélanie viene prodotta in circa 3.300 bottiglie annue. Prima dell’annata 2012 questa cuvée non era millesimata. Ricordo che quando, alcuni anni fa, degustai la Cuvée Mélanie mi sorprese che non fosse millesimata e suggerii al proprietario Christophe ed al suo importatore Gaetano Gulli, di farla millessimata.

La Maison Boulard-Bauquaire si trova nel villaggio di Cornicy, a 20 km da Reims.

Le vigne si trovano a Cornicy, Hermonville, La Neuville aux Larris, Monthurel e Trepail ed hanno differenti terroirs (Massif de Saint Thierry, Montagne de Reims e della Vallée de la Marne), La maison non utilizza i pesticidi e pratica l’inerbimento e tutte le pratiche, organiche nel rispetto della tradizione champagnoise e della certificazione HVE (Haute Valeur Environnementale). Gli ettari vitati sono 8 e le bottiglie totali prodotte, per anno, sono circa 70.000. Dall’annata 2012 la Cuvée Mélanie é millesimata. Si tratta di un Blanc de Blancs, con uve al 100% di Chardonnay. L’importatore in Italia è Relais & Terroirs srl di Gaetano Gulli, con sede a Lucca.

Seguono le note di degustazione dei quattro champagnes degustati.

DOMAINE BOULARD-BAUQUAIRE

BLANC DE BLANCS, CUVÉE MÉLANIE, Annata 2014.

Veste giallo oro intenso lucente, con riflessi ramati.

Le bollicine sono finissime e numerose.

Olfatto ricco e vario fatto di profumi di vaniglia, pan-brioche, mela renetta, cuoio biondo, banana matura, bacca di ginepro, iodio, elicrisio, menta, eucalipto, dolci dell’esterno del confetto, alchermes, fiori (calle?), cognac, buccia di foglia di mandarino, erbe di montagna, per terminare con ricordi di colla Coccoina (latte di cocco e mandorla). Al palato le bollicine sono fini e carezzevoli, il corpo è medio, ed ha sapori salati, minerali e di mela renetta. Vino equilibrato con la massa alcolica impercettibile grazie alla freschezza, alla sapidità ed alla mineralità. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di generoso sale e limone.

Champagne complesso sia all’olfatto che al gusto.           (96/100)

DOMAINE BOULARD-BAUQUAIRE

BLANC DE BLANCS, CUVÉE MÉLANIE, Annata 2013.

Colore giallo oro brillante. Bollicine fini inizialmente abbastanza fini e poi fini. Naso fatto di profumi di vaniglia, pan brioche, formaggio morbido, mela renetta, gesso, burro, pasticceria, cuoio biondo, menta, eucalipto, miele, crema di latte, pomodoro maturo strusciato sul pane, per terminare con sussurri di banana matura. All’assaggio rivela bollicine fini ed un corpo medio. Sapori di sale e limone (non come la 2014) e mela renetta verde. Possiede una generosa freschezza che domina la massa alcolica. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale un pò asprino di mela renetta un pò acerba.                                                                                                (93/100)

DOMAINE BOULARD-BOUQUAIRE

BLANC DE BLANCS, CUVÉE MÉLANIE, Annata 2012.

Manto giallo oro lucente. Le bollicine sono finissime e numerose.

Dal bicchiere si innalzano profumi di gesso, pan brioche, intensi di lievito di birra, iodio, intensi di colla Coccoina (late di cocco e mandorla), sale, per terminare con ricordi di pietra focaia sfregata.

Al palato le bollicine sono fini ed il corpo è medio. Ricca è la sapidità (ma non come la 2014). Sapori di limone, pompelmo giallo, guscio di mandorla e mela renetta acerba. Vino equilibrato tra alcool e freschezza. Lunga è la sua persistenza gustativa con finale di mela renetta acerba.                                                                                                                        (91/100)

DOMAINE BOULARD-BOUQUAIRE

BLANC DE BLANCS, CUVÉE MÉLANIE

non millesimato (contiene le annate 2010 e 2011)

Riluce giallo oro. Le bollicine sono fini e numerose.

All’incontro olfattivo ha risalto il profumo di zolfo seguito da note di gesso, pasticceria, cenere del caminetto, intense di bacca di ginepro, fernet alla menta, lupino, iodio, mela renetta, elicriso, candele spente, muffetta di buccia di arancia, buccia di banana verde, per terminare con pizzicotti di curry e coriandolo.

Al gusto le bollicine si spengono un pò. Sapori di giuggiola matura, intensi di bacca di ginepro, limone, cedro e pompelmo giallo. Il vino è equilibrato con la freschezza che domina la massa alcoolica. Il corpo è medio e lunga è la sua persistenza gustativa.

(90/100)

More from Paolo Baracchino

SASSICAIA UN VINO, UNA LEGGENDA

Nel 2009 incontrai, a Bolgheri, Carlo Paoli il quale mi disse di...
Leggi tutto